Life – Buona fortuna

Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

lavoroAlice non riusciva proprio a prendere sonno. Aveva deciso di alzarsi dal letto, andare in cucina e accendersi una sigaretta. Passeggiava nervosamente nella piccola stanza dalle pareti colorate con un vivace giallo limone. Quella sera Alice era tormentata da un pensiero fisso che non riusciva a togliersi dalla testa e che nei suoi anni di studi universitari aveva sempre cercato di nascondere nel suo subconscio. Era sempre stata una ragazza positiva ed il suo spirito ottimista le aveva permesso di superare gli ostacoli che le si erano presentati nel corso della sua vita con irrisoria facilità. Questa volta però era diverso. Continua a leggere

Annunci

Life – Sogni infranti

Tag

, , , , , , , , , ,

tristezzaMarta aveva trentacinque anni, era sposata da quattro e desiderava ardentemente avere un figlio. Fino a quel momento, il destino non le aveva affatto sorriso perché nonostante provasse in tutti i modi, questa regalo non le era ancora arrivato. Marta aveva conosciuto Marcello durante gli anni universitari e se ne era innamorata da subito. Aveva trovato il lui tutto quello che cercava in un uomo: simpatia, solarità, sicurezza e tenerezza. Condividevano quasi gli stessi interessi e non era difficile per loro trovare degli argomenti di discussione. Avevano deciso di sposarsi poco dopo aver trovato lavoro, Marcello in una importante azienda e Marta presso un ente statale. Il loro amore genuino e spontaneo li aveva spinti a non perdere troppo tempo, e così i novelli sposi avevano acquistato casa con i lori risparmi e avevano deciso di concedersi degli svaghi prima di metter su famiglia. Avevano viaggiato, si erano permessi alcuni piccolissimi lussi ma anche lunghe domeniche rintanati in casa a coccolarsi ed oziare. I due stavano vivendo un sogno ad occhi aperti. Continua a leggere

Life – Incubi reali

Tag

, , , , , , , , ,

pioggiaEra una serata fredda ed il vento sferzava sulle finestre ed i tetti delle case. L’ umidità bagnava le strade e le automobili parcheggiate. Nonostante queste avversità, Bruno aveva deciso di uscire da casa e passeggiare. Ne aveva proprio bisogno. L’atmosfera familiare si era fatta pesante. Mancavano i soldi per tirare avanti, lui non lavorava da più di tre mesi, le sue figlie che frequentavano entrambe il liceo, chiedevano quello che un adolescente è solito chiedere ai genitori e la moglie malata peggiorava sempre di più e i fondi per acquistare le medicine scarseggiavano. Fissando con sguardo vuoto il fiume che attraversava la città, Bruno stava riflettendo sulla dura decisione che avrebbe dovuto prendere irrimediabilmente.
Continua a leggere

Life – Febbre da Like

Tag

, , , , , , , , , ,

social networkEra un pomeriggio di inizio Marzo e la primavera ormai bussava alle porte. Ciò nonostante la pioggia e il vento stavano martoriando la città sin dalle prime luci del giorno. Disteso sul divano, Riccardo ascoltava musica e navigava sui social media con il suo nuovo cellulare appena regalatogli per il compleanno. Non era mai stato un amante di questi network e preferiva ricorrervi con distacco solo per comunicare con i colleghi dell’università nel caso vi fossero delle novità riguardanti le lezioni, ascoltare nuovi brani musicali postati dai suoi contatti e leggere articoli dagli account dei quotidiani che seguiva da tempo. Non gradiva pubblicizzare gli eventi della sua vita, se non con moderazione, ma gli piaceva in compenso raccogliere le foto con gli amici. Aveva ormai compreso che la forza di questi nuovi mezzi di comunicazione risiedeva nel dare importanza a tutti gli utenti che si sarebbero sentiti come prime donne ad un serata di gala e detestava coloro i quali scrivevano massime sulla vita, sull’esistenza o della assurde banalità che incredibilmente ricevevano un ampio consenso. Continua a leggere

Life – Cronache di ordinaria follia

Tag

, , , , , ,

VivereSpazio Libero lancia la nuova rubrica settimanale Life – Cronache di ordinaria follia, all’interno della quale verranno presentati mini racconti. L’intento è quello di descrivere episodi quotidiani e con essi mostrare le paure, le tensioni, i sentimenti e le gioie della vita nelle sue infinite sfaccettature. I personaggi che riempiranno le storie trattate cercheranno di essere il più vicino possibile alla realtà: da un caro amico lontano, ad una compagna veramente antipatica, da un collega di lavoro ad un conoscente con il quale si è condivisa un’esperienza casuale. La rubrica cercherà di soddisfare queste premesse ed incuriosire il lettore solleticando in lui un pizzico di riflessione e di spirito critico. Spazio Libero vi aspetterà con trepidazione ogni mercoledì con una nuova storia.

Di seguito, una breve anticipazione del racconto della prossima settimana, FEBBRE DA LIKE.

Riccardo sapeva che i social avrebbero potuto essere usati in modo completamente diverso rispetto all’utilizzo che ne veniva fatto da molti suoi contatti. Non potendo uscire di casa a causa del temporale che si era abbattuto da un paio di ore, decise che fosse giunto il momento di dare sfogo alla sua creatività e alla sua passione per la scrittura creando un blog all’interno del quale avrebbe potuto trattare tutti gli argomenti che gli sarebbero passati per la testa e li avrebbe poi pubblicizzati sui social.

Il cigno nero – Sveva Casati Modignani

Tag

, , , , , , , , , , ,

Il cigno neroRealistico, crudo, passionale e drammatico. Così si presenta “Il cigno nero” romanzo scritto nel 1992 da Sveva Casati Modignani che ripercorre la storia dei successi e dei fallimenti della famiglia Montalto e dell’omonima casa editrice.

Il capofamiglia Edison nonostante le sue umili origini e grazie all’aiuto dell’ingente patrimonio della moglie Ester riesce a creare un impero editoriale. L’impresa familiare riuscirà a reggere all’urto del fascismo, della guerra e delle crisi spirituali e materiali dei protagonisti non senza qualche difficoltà.

Sarà il primogenito Emiliano a risollevare le sorti dell’azienda grazie anche alla partecipazione della sua amata Arlette. Continua a leggere

Per chi suona la campana – Ernest Hemingway

Tag

, , , , , , , ,

Nessun uomo è un’isola. Ogni uomo è un pezzo del Continente, una parte della Terra. Ogni morte d’uomo mi diminuisce, perchè io partecipo dell’umanità. E così non mandare mai a chiedere per chi suona la campana: essa suona per te. John Donne

copertinaNel bel mezzo della guerra civile spagnola di fine anni ’30, una banda di guerriglieri capeggiata dal losco Pablo si rifugia su delle colline sopra Segovia in attesa di sferrare un attacco alle linee fasciste che hanno il controllo sulla città. Il comando militare della Repubblica invia loro un americano, Robert Jordan soprannominato l’Inglés, con il compito di far saltare un ponte che rappresentava l’unico collegamento fra le linee nemiche.

Le vicende si dipanano in quattro giorni scanditi da litigi, amori, amicizie, fiducia (talvolta mal riposta) e speranza. Tutte queste esperienze sintetizzando in un lasso di tempo davvero breve le più svariate sfaccettature dell’animo umano. La vicinanza alla morte ed al rischio fa emergere il desiderio primordiale di restare attaccati alla vita da cui discendono sentimenti ed emozioni sinceri e puri, tipici di colui il quale si appresta ad andare incontro all’inevitabile. Dal romanzo scaturisce tutta la potenza e la voglia di vivere: quattro giorni sono forse pochi ma l’intensità delle emozioni e delle vicende umane è così forte come forse non lo sarebbe stata in un tempo più lungo. Continua a leggere

And the Oscar goes to…

Tag

, , , , , , , , , , , , , , ,

Scivola via la 87esima edizione degli Academy Awards tra sorrisi e gioie più che delusioni visto che quasi tutti i favoriti hanno portato a casa la tanto agognata statuetta e pochissime sono state le grandi sorprese. Lo show è  stato sapientemente condotto dal fantastico e simpaticissimo Neil Patrick Harris che ha dato sfogo a tutto il suo repertorio d’intrattenimento. Protagonista assoluto di questa edizione è birdmanstato il film Birdman del regista messicano Inàrritu (ancora un messicano dopo Cuaròn ad aggiudicarsi la regia) che ha vinto quattro statuette tra le più prestigiose (miglior film, migliore regia, migliore sceneggiatura originale e migliore fotografia). A dare un tocco in più alla pellicola ci ha pensato il protagonista Micheal Keaton nei panni di un ex attore di film d’azione che desiderava tornare alla ribalta a teatro dimostrando di avere stoffa e talento. Il premio per la regia è stato assolutamente legittimo soprattutto per i piano sequenza che hanno scandito le varie scene del film e che sono stati apprezzati dal pubblico ma per quanto concerne quello come miglior film, beh, ci sono tanti dubbi. Continua a leggere

Non è tutto oro quel che luccica

Tag

, , , , , , , , ,

Il 17 Dicembre scorso, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e quello cubano Raùl Castro hanno annunciato la riapertura delle relazioni internazionali tra i due No all'embargoPaesi dopo mezzo secolo di isolamento a causa dell’embargo decretato da Washington nel 1963. Si vocifera che la mediazione di Papa Francesco sia stata fondamentale perché le parti giungessero ad un accordo. La notizia è stata accolta con molto clamore soprattutto dai cubani che aspettavano da anni questo evento, segno che la politica dell’assedio ha avuto un effetto così devastante non solo sotto l’aspetto economico ma anche sociale.

Sarebbe bene, però, analizzare la situazione con i piedi ben piantati a terra. Infatti, nonostante le dichiarazioni di parte e la liberazione di prigionieri politici da ambo le parti, non è stato siglato alcun accordo formale. Il 21 Gennaio, una delegazione americana ha discusso con L’Avana i termini per la normalizzazione dei rapporti bilaterali senza che le parti giungessero ad una conclusione, fermo restando che entrambe hanno  manifestato l’intenzione di riprendere in futuro le trattative. Quindi, sul piano strettamente legale, non è stato concluso nulla. Inoltre, il presidente Castro ha dichiarato alla Bbc qualche giorno dopo l’incontro di << non fidarsi della politica degli Stati Uniti, ma di essere favorevole ad una soluzione pacifica dei conflitti >>.

Vi sono delle vicende che il governo cubano deve affrontare con minuziosa attenzione. La possibile riapertura delle relazioni consentirà una più consistente ondata di turisti che dovranno essere sapientemente accolti. Il problema è che a Cuba mancano le infrastrutture per far fronte a questo salutare vento di liberalizzazione. Le strutture alberghiere sono fatiscenti, per la maggio parte, e non riusciranno a contenere oltre l’abituale numero di turisti.  A questo va aggiunto che si renderà necessario rimodernare strade, aeroporti, fognature, rete idrica,raccolta rifiuti e settore delle telecomunicazioni visto che Cuba si potrà finalmente affacciare su un mondo nuovo rispetto a quello che aveva lasciato negli anni ’60.

Si muoveranno, soprattutto, capitali. Senza la minaccia di una rappresaglia americana, gli investitori potranno fare il loro ingresso sull’sola ed il governo avrà la responsabilità di riuscire a garantire loro gli strumenti per operare in sicurezza e al meglio delle loro capacità, oltre che essere capace di allocare le nuove risorse per la ricostruzione di un Paese in cui vi è un netto divario tra ricchi e poveri e tra chi lavora nel settore pubblico ed in quello privato. Nuovi capitali porteranno nuove opportunità di lavoro ed un ridimensionamento della figura onnicomprensiva dello Stato nella vita dei cittadini.

Intanto, un primo effetto della riapertura informale delle relazioni tra USA e CubaRaùl Castro porterà il piccolo Stato a partecipare per la prima volta al Vertice delle Americhe. Vi prenderanno parte importanti Paesi latinoamericani che negli anni si sono battuti perché Cuba partecipasse all’incontro. Adesso sarà finalmente possibile. In quell’occasione, Obama e Castro potranno incontrarsi vis-a-vis per definire in modo più marcato i contorni delle loro future relazioni. Questo già è un passo importante.

Certo, è assurdo che un Paese rimanga isolato per più di cinquant’anni contro il suo volere soprattutto alla luce di un diritto internazionale che si è consolidato negli ultimi decenni. La mossa americana sarà stata attentamente studiata da Washington visto che la recessione ha colpito gli States più di quanto ci si aspettasse. La sfida alla Cina, la scoperta di nuovi giacimenti petroliferi in casa e le sanzioni imposte a Mosca hanno preparato un terreno fertile su cui poter imbastire la strategia per rafforzare la loro posizione nel panorama economico mondiale. Riavvicinarsi a Cuba significa aprire nuovi e floridi sbocchi economici. Assurdo, al di là di tutto, che ci sia voluto così tanto tempo per capirlo.

La rivincita della Grecia

Tag

, , , , , , , , ,

TsiprasIl 26 Gennaio, la Grecia ha scritto una pagina memorabile della sua storia costituzionale. Per la prima volta, Atene sarà governata da un partito proveniente dalla sinistra più radicale, Syriza, e da uno dei più giovani premier del mondo, Alexis Tsipras. La stampa internazionale, soprattutto quella europea, non è stata certo molto morbida nei suoi confronti, presentando uno scenario di forte instabilità politica nell’eurozona a seguito di questa elezione. Si è iniziato a dire che il partito è pronto ad imporre l’uscita dall’euro, che i greci sono stati abbindolati dalla corrente populista e che il voto espresso riflette solo la protesta nei confronti dei partiti tradizionali. La realtà, però, dice altro. Continua a leggere